martedì 12 luglio 2016

Mailand: la saga di Corradino continua...


Mailand è l'ultimo capitolo della trilogia di Corradino. Perché c'è la trilogia dell' anello, la trilogia del dollaro, la santissima trilogia e c'è pure la trilogia di Corradino. Dopo Quattro soli a motore e Chiudi gli occhi e guarda ritroviamo un Corradino cresciuto, alle prese con l'università e il primo  impiego. Corradino è cresciuto ma rimane sempre un ingenuo. Un fesso, nel senso buono.  Resta il fatto che zio scriba/Pezzoli riesce sempre a sorprendermi. Il finale del libro è ai limiti della pornografia immaginaria, 'na roba che se siete elettori di giorgia meloni o abbonati al settimanale "tempi" non potete proprio avvicinarvi. Caro zio scriba alla  fine mi son detto "cavolo ma non poteva continuare?" e ho continuato io con la fantasia.

A parte queste scarne righe di commento al libro, mi sento di aggiungere una cosa. A chi dice che "il web non serve a nulla" (fermorestando che il pensiero a volte attanaglia anche la mente del sottoscritto): non è vero. Se non fosse stato per internet e per blogger non avrei mai conosciuto Alessandro Vietti e Nicola Pezzoli. Due scrittori bravi ma soprattutto due persone che ragionano con la testa. Persone lontane anni luce (per fortuna) dallo scrittore modello dei nostri giorni che fa tanto trendy. Sono veramente contento che internet mi abbia dato questa opportunità. E grazie a voi.

2 commenti: